Seleziona una pagina

Già prima però Singer lanciò una macchina dedicata all’uso domestico: la “dorso di tartarugha”. Siamo nel 1856. E nel 1865 Fu lanciata la New family che vendette 4 milioni di esemplari fino al 1882.

Non siamo ancora arrivati al ‘900 e già le macchine da cucire avevano fatto più di 100 anni di storia!

Negli anni ’30 del XX secolo comninciarono a diffondersi le macchine da cucire elettriche e oramai svariati modelli permettevano di cucire e anche ricamare iniziali, monogrammi, fiori, punti a giorno etc…. Era anche stato commercializzato un pantografo per ricamare seguendo un modello punto per punto!!!!!

Ma nel mondo nn c’era solo la americana Singer. Nel 1862 entrò nel mercato la Pfaff tedesca che dal dopogruetta cominciò a esportare in tutto il mondo Cina compresa! Alla Pfaff va assolutamente dato il merido dell’invenziona del doppio trasporto che fino a i giorni nostri le rendeva le macchine piu adatte a lla cucitura su tessuti pesanti e difficili.

Anche in Italia non siamo stati a guardare, nel ‘900 c’erano Necchi e Vigorelli e Borletti che producevano alla fine del Novecento 200 000 pezzi l’anno.

La vera rivoluzione della macchina da cucire è doppia. In fabbrica si velocizzò il lavoro, si migliorò la qualita di vita delle lavoratrici e la possibilità di imparare a usare le macchine in un giorno o due per le nuove operaie assunte in fabbrica. Nelle case entrò in sordina ma diventò strumento essenziale per le necessità  quotidiane di tutte le famiglie dalle piccole riparazioni ai capi ……